Canottaggio / News 22 Giugno 2018

L’Aniene brilla ai Campionati Italiani Assoluti di Canottaggio

Varese ha ospitato, tra il 16 e 17 giugno, i Campionati italiani Assoluti di canottaggio Coop che hanno assegnato anche 15 titoli juniores e 7 pararowing. Alla Schiranna, gli atleti del nostro Circolo sono stati presenti in forze, ventuno elementi, e tutti hanno ottenuto medaglie tranne le due riserve juniores Valerio Scansalegna e Irene Scarinci, sono entrambi in gara nel singolo e approdati alle semifinali.
A fare la parte del leone sono state le ragazze.
Successi di primo piano per l’Aniene, vittorie storiche come quella delle ragazze dell’otto con che, guidate dal timoniere Gaetano Iannuzzi hanno strapazzato il Cus Torino. Protagoniste dell’impresa, Chiara Ondoli, Claudia Destefani, Valentina Iseppi, Giovanna Schettino, Carmela Pappalardo, Gaia Colasante, Cecilia Bellati, Ludovica Serafini con Iannuzzi al timone. Con 6’33”83 hanno distanziato di 10”63 le rivali piemontesi.
Da ricordare che Giovanna Schettino è due volte campionessa del mondo nel 2017 mentre Ondoli, Pappalardo, Iseppi e Destefani erano da poco tornate dalla loro esperienza di studio e voga negli Stati Uniti, tra Seattle ed Austin.
Vittoria nel 4 senza femminile, subito dopo, con l’armo composto da Giovanna Schettino, Chiara Ondoli, Valentina Iseppi e Claudia Destefani.
Un altro oro per loro, in una finale un po’ più combattuta, con l’equipaggio della saturnia che alla fine ha ceduto per 3”93 (6’48”28 per l’Aniene).
Rimanendo alle gare femminili, dura finale per il 4 di coppia del nostro
Circolo: Ludovica Serafini, Carmela Pappalardo, Cecilia Bellati e Gaia Colasante dopo essere passate in testa poco prima dei 1000 metri, hanno dovuto cedere all’equipaggio delle Fiamme Gialle che proprio si 1000 ha preso il largo (3’15”00 contro 3’16”90) per vincere con 7”25 di vantaggio sulle nostre atlete.
Eccoci alle gare maschili. Argento nel 4 senza assoluto di Matteo Sandrelli (anche lui appena rientrato dall’Università di Yale negli Stati Uniti), Leonardo Calabrese, Riccardo Peretti e Luca Armani. Dopo una partenza coraggiosa si sono visti superare prima di metà gara dall’equipaggio della Marina Militare di Sabaudia, ma incalzati dal forte Posillipo (terzo alla fine) sono riusciti a resistere cedendo alla Marina per 3”63 (3’01”00 il crono dell’Aniene.
Bronzo nel 2 senza di Bruno Rosetti (anche lui impegnato in questi giorni in Coppa del Mondo con l’otto azzurro) e del giovane Antonio Schettino. Un equipaggio questo che è stato improvvisato (Bruno era in raduno nazionale fino a due giorni prima della gara) e si è ben difeso.
A vincere sono state le Fiamme Oro (3’10”80) davanti a Gavirate e Aniene (3’21”50).
Passando alla categoria juniores, nel 4 senza maschile Giulio Ginesi, Marco Felici, Michele Zacchilli e Leonardo Suarez si è piazzato al secondo posto alle spalle delle Fiamme Gialle (3’06”10 contro il 3’08”00 dell’Aniene). L’armo del nostro Circolo ha disputato una competizione in crescendo dalle batterie ai recuperi alla finale.
Importanti risultati anche nel pararowing. Nel singolo, Daniele Stefanoni si è imposto nel singolo: il cinquantunenne di Oggiono che un incidente sul lavoro nel 1987 ha reso disabile (e per quattro anni non ha potuto neppure camminare) ha battuto Gianfilippo Mirabile. Oro per il
4 con misto di Tommaso Schettino, Luca Agoletto, Lucilla Aglioti e Greta Elizabeth Muti con Gaetano Iannuzzi al timone: con 3’41”80 l’equipaggio della Flora è rimasto a distanza, esattamente a 51”80.
Vittorie infine per Tommaso Schettino e Luca Agoletto davanti all’Armida staccato di 1’25”61 e per Lucilla Aglioti e Greta Elizabeth Muti, con l’equipaggio dell’Armida ancora dietro.