News / Varie 06 ottobre 2018

Circoliamo, dominio Aniene: settima vittoria consecutiva

Per la settima volta consecutiva, il Circolo Canottieri Aniene si laurea campione di Circoliamo, la sfida tra i circoli storici romani. Un successo clamoroso per le proporzioni, arrivato con più del doppio dei punti dei secondi classificati e, chiaramente, in largo anticipo rispetto alla fine delle gare. Nelle diciassette gare previste dal programma delle cosiddette “Olimpiadi di Roma”, l’Aniene ha strappato ben dieci primi posti e cinque secondi (nella foto, la premiazione della squadra di padel del nostro circolo). L’Aniene si è imposto nel biliardo all’italiana, nelle boccette, nel calcio a 8, nel canottaggio, nella corsa campestre, nel gin, nel nuoto, nel padel, nel tennistavolo e nel tiro alla fune, ottenendo il secondo posto nel bridge, nel burraco, nel calcio a 5, nel golf e nella pallavolo.
La vittoria è arrivata con una formazione molto ampia rispetto al passato, visto che il nostro Circolo ha schierato anche diversi atleti over 80, come Carlo Lajolo nel tennistavolo, Mario Fiorini nel tennis o la coppia dei signori Mogavero nel bridge. “Ero quello più a rischio, essendo il mio primo Circoliamo da presidente – scherza Massimo Fabbricini, presidente del nostro Circolo – dopo gli anni di Malagò, e ne avevamo parlato parecchio alla vigilia. Si scherzava molto su questo particolare, rischiavo di essere il primo sconfitto, e invece è andata bene”. Anche Fabbricini è “sceso in campo” nel burraco, così come il Presidente onorario Giovanni Malagò nel calcio a 5 e nel gin.
Da segnalare lo spettacolo dell’ultima giornata, con una folla di tifosi e sportivi nel Circolo del Polo. Una grande festa di sport e fratellanza, senza gli accanimenti tipici del “tifo contro”. L’Aniene ha dominato la staffetta, schierando nell’ultima frazione Anna Alberti, socia per meriti sportivi.

Prosegue Massimo Fabbricini: “Ha vinto la squadra, si dice sempre. E stavolta più che mai è stato così. Anche in questa edizione di Circoliamo il successo dell’Aniene è stato di gruppo, come stanno ad attestare i dieci primi posti ed i cinque secondi posti ottenuti nelle diverse discipline. Ma le squadre sono fatte di individui, di nomi e di cognomi, di date di nascita e di date di iscrizione al Circolo. E crediamo possa far piacere a tutti indicare tutto questo per lasciare una traccia alla memoria.”