News / Nuoto 24 Aprile 2019

Aquaniene, dieci anni di supremazia

Alle nove di sera del 24 aprile 2009 apriva le porte Aquaniene. Un brindisi per inaugurare una struttura all’avanguardia nello sport non solo a Roma, una festa per proiettarsi nel futuro prima di dare il via alle gare, quelle del nuoto, il fiore all’occhiello dell’impianto.
Il giorno seguente, infatti, il 25 aprile di dieci anni fa, Aquaniene si proiettava subito nel suo habitat naturale, quello della competizione ospitando la finale del campionato a squadre di serie A che vide il successo dalla Canottieri Aniene.
Dal 2007 la squadra del nostro Circolo già dominava, e continua a farlo, in piscina. Difatti, da quella stagione il campionato a squadre è stato vinto 13 volte ininterrottamente dall’Aniene e da dieci anni la Coppa Brema, ossia il campionato italiano a squadre, è una marcia trionfale per il nostro Circolo che centra la doppietta, primo sia con la formazione maschile e non quella femminile. A fermare un 13 globale è stato, nel 2009, l’Esercito primo con la formazione delle donne.
Aquaniene però non è solo questo, non è solo Federica Pellegrini o Simona Quadarella tanto per citare qualche campione – e sono davvero tantissimi – che ne fa un autentico Centro Federale con tanto di foresteria, e non vuole esserlo.
Lo scopo di questo meraviglioso circolo sportivo è quello di essere al servizio di tutti, non solo degli atleti. Eccellenza per il pubblico, per i più piccoli, per chi ama lo sport – non solo il nuoto – per la terza età, per i disabili ai quali è data grande attenzione e cura e per chi ha necessità di cure riabilitative. «La nostra è una realtà dove si può trovare in acqua il bimbo di tre mesi e la persona di 99 anni – racconta Gianni Nagni che dell’Aquaniene è il direttore generale – Ci sono i campioni che preparano le Olimpiadi e le persone comuni. Credo che in nessun’altra struttura sia possibile trovare tutto questo».


Nuoto e palestre per i frequentatori di Aquaniene, struttura no profit con i proventi che vengono investiti interamente nello sport, ma soprattutto una scuola nuoto che non solo è all’avanguardia: è la prima in Italia con i suoi 2000 iscritti mentre ad usufruire delle strutture del Centro, tre piscine compresa quella scoperta da 50 metri e le palestre con le sale cardio e tutti i numerosi corsi, il numero è più del doppio tra giovani e adulti.
Aquaniene è un polo sportivo per la Capitale, una “palestra” aperta tutti i giorni da mattina a sera che offre lavoro a oltre 150 dipendenti tra personale, collaboratori a progetto, istruttori e allenatori. Sport davvero per tutti in via della Moschea con servizi importanti per chi ne ha necessità compreso
AquaAnieneKids e il suo centro estivo. C’è la scuola nuoto per i disabili, diverse bambine down vengono seguite nel nuoto sincronizzato, un gruppo di ragazzi autistici seguono corsi natatori, una grande manifestazione annuale viene organizzata per i disabili intellettivi con una presenza di oltre 300 atleti.
Tutto questo senza dimenticare la disponibilità gratuita ad ospitare gli studenti dell’Istituto Salvini per le lezioni di educazione fisica e anche, da poche settimane, chi soffre di alzheimer dedicando loro un’attenzione speciale.