A Madrid, Berrettini si arrende a Zverev: sfuma il primo 1000 in carriera

domenica 9 Maggio 2021

Matteo Berrettini si è arreso al tedesco Alexander Zverev. Nella finale del Master 1000 di Madrid il giocatore del CC Aniene dopo aver vinto il primo set al tie-break ha ceduto i due successivi 6-4 6-3.

Dopo quasi tre ore di gioco il tedesco si è imposto mentre Berrettini ha subito la rimonta dell’avversario, che è il numero 6 del mondo. Per Matteo quella di questa sera è stata la prima finale in un torneo Masters 1000 (l’ottava per il suo rivale), secondo soltanto agli Slam.

Matteo ha conquistato il primo set al tie-break e dopo quattro set point. Ha cominciato con un mini break – in stagione ha vinto 6 tie break degli 8 giocati – ed è arrivato il quinto ace per il 3-0. Altro mini break per il 4-0 che è diventato 5-0 ma si è poi fatto agganciare 5-4. Berrettini ha sprecato un set point e ha mandato a servire Zverev sul secondo. Tutto da rifare: 6-6. Al quarto set point doppio fallo del tedesco e sul servizio Matteo non ha fallito.

Nel secondo set si è arrivati al 4-4 e qui sono cominciati i problemi per Matteo. Game delicato, e Berrettini non poteva rischiare di mandare Zverev a servire per il set ma ha ceduto due volte un 15 di vantaggio al rivale. Il tedesco si è preso due palle break. Un doppio fallo, il primo della partita ha regalato il 5-4 a Zverev che, con esperienza, si è preso il set (6-4) portando in parità la sfida.

L’epilogo della partita nel quarto gioco del terzo set. Doppio fallo di Zverev che ha permesso a Matteo di portarsi 30-30, ma la reazione è stata immediata con un servizio vincente. Un altro errore e si è andati ai vantaggi. Altro doppio fallo e Berrettini ha una palla break ma il tedesco ha segnato il 2-2.

L’epilogo della partita nel quarto gioco del terzo set. Doppio fallo di Zverev che ha permesso a Matteo di portarsi 30-30, ma la reazione è stata immediata con un servizio vincente. Un altro errore e si è andati ai vantaggi. Altro doppio fallo e Berrettini ha una palla break ma il tedesco ha segnato il 2-2.

Occasione non sfruttata per il break, tanti rimpianti e Zverev è tornato aggressivo, con qualche errore di troppo di Berrettini che va sotto 3-2. Quindi 4-2 con il servizio del tedesco e 4-3 con quello di Matteo. Dopo, il 5-3 e il crollo del romano che ha lasciato il successo al rivale.