Canottaggio: l’Aniene trionfa al Festival dei Giovani

domenica 4 Luglio 2021

Splendido il Circolo Canottieri Aniene a Varese dove si è svolto il Festival dei Giovani di canottaggio intitolato a Gian Antonio Romanini. E’ suo, difatti, il primo posto nel medagliere complessivo con 40 medaglie (12 d’oro, 17 d’argento e 11 di bronzo) mente è stata la Canottieri Baldesio di  Cremona la società con il maggior numero di successi , ben 15.

L’Aniene per la prima volta ha vinto questa competizione che è il campionato italiano a squadre per le categorie allievi e cadetti. Successo straordinario, che premia la nostra scuola di sport per i ragazzi tra i 10 ed i 13 anni, il vivaio dello sport e del canottaggio in particolare senza dimenticare il grande lavoro svolto per altre discipline quali la canoa, il nuoto e i tuffi ma non solo.

La principale manifestazione remiera giovanile nazionale, il Festival dei Giovani “Gian Antonio Romanini”, edizione 2021, appunto, ha visto l’Aniene totalizzare ben 1954 punti, staccando di oltre 500 punti i diretti inseguitori, i padroni di casa della S.C. Varese che si sono fermati a 1424 punti. Terzi in classifica generale si sono piazzati i triestini del C.C. Saturnia con 1126 punti. Relativamente alle classifiche parziali, per quello che riguarda le competizioni maschili è ribadito il podio generale: trionfo del CC Aniene con 1402 punti.

A livello femminile, invece, vittoria per la  S.C. Varese, 563 punti. Alle loro spalle il CC Aniene con 552 punti, mentre terzi si sono posizionate le vogatrici della S.C. Garda Salò con 323 punti.

La scuola giovanile per canottaggio, una delle scuole sportive del nostro Circolo, è il nostro bacino per le eccellenze del domani. Da qui sono nati i Lorenzo Porzio, Andrea Palmisano, Ludovica Serafini, Giovanna Schettino, Matteo Sandrelli. Con loro bravi anche i nostri allenatori Marta Ponte, Giorgia De Caro, Filippo Allegra, Massimo Guglielmi e da quest’anno, e non è un caso, Giovanna Schettino. Grande il lavoro svolto da Giovanni Suarez, il direttore tecnico, Gaetano Iannuzzi, Giuffrida e Migliaccio.